Estratto | La perla di Minerva di Sofia Fiorini

Pubblichiamo un estratto da "La perla di Minerva" (La Noce d'Oro, 2023) di Sofia Fiorini.

Dalla Quarta di copertina:

“Tutti sanno come nascono le bambine, ma nessuno sa come nascano le donne. Che abbiano bisogno di una nascita per esistere, proprio come le prime, è ignorato dai più. Ovvio quindi che il termine che descrive la nascita della donna – la ginegonia – sia un neologismo. Nel mondo romano, per le ragazze crescere significava passare da puellae a nubende, da fanciulle a donne in età da marito. Confinate nell’orizzonte del matrimonio come unica scelta possibile, possedevano almeno i rituali di transizione verso la vita adulta. Rituali segnati per le donne dalla tutela di Minerva. E a questa dea lunare che si rivolge la protagonista e narratrice di questa ginegonia, per chiederle protezione e tutela durante il cambiamento di stato. La prova da superare prevede, come per le giovani delle età più remote, un periodo di isolamento, ma più alta è la posta in gioco: non perdere il contatto col divino”.

 

Dalla prima sezione, Il pozzo vuoto

Due crepuscoli in un giorno –
questo non è il primo.
Chi siamo noi per sopravvivere alla notte?

Allo scoccare dell’ora,
tra le rovine della nostra carrozza arancione
ci chiederanno il prezzo per il viaggio:

noi daremo le briciole in pegno
e diremo: «ora non lo abbiamo,
ma possiamo cercare nella terra dov’è l’oro».

*

I piedi bruciati fanno più male –
è il secondo crepuscolo –
mentre ritorniamo al pozzo vuoto.

C’è una parola lontana,
chiusa nel ventre di una rondine,
che potrebbe farlo rifiorire

ma noi non la sappiamo pronunciare.

*

Dal fondo pur sempre
si vede il cielo.

Corre un satellite nella stessa orbita
in cui correrà anche domani.

Abbiamo chiesto a Dio: «rivogliamo le stelle»
lui ha detto: «sono qui. Ma non potete vederle».

*

 

Dalla seconda sezione, L’acqua di Minerva

Per le giovani romane
c’era un solo modo di diventare donne:
convolare a nozze.

Ma non potevano diventare nuptae
se qualcuno non le aiutava prima
a disfarsi delle puellae.

Quella era Minerva
che gli metteva perle nelle tasche
e gli cambiava pelle.

Con la perla nella tasca
prego lei che mi conduca
nei cinque giorni del suo rito.

Donna con o senza nozze
fammi diventare grande,
mettimi il coraggio della notte.

*

Per avere la protezione della dea
e rispettare l’ordine, la perla disse
che dovevano passare cinque giorni
in cui nessuno mi toccasse

che ogni mattina
mi lavassi le mani e la faccia
con una speciale acqua
e cercassi la luna nel cielo.

Se la trovavo potevo continuare
fino al quinto giorno
e al sesto mi potevo liberare.
Al risveglio di questo

la rondine africana
avrebbe lasciato una parola
una chiave o una noce
sotto la lingua.

***

Sofia Fiorini (Rimini, 1995) è scrittrice e insegnante. In poesia ha pubblicato La logica del merito (Interno Poesia, 2017) – premiato dal Premio Violani Landi e dal Premio Prato, recentemente ripubblicato come La logica del merito e nuove poesie (Interno Poesia, 2023) – e La perla di Minerva (La Noce d’Oro, 2023). Ha tradotto l’antologia italiana delle poesie di Ralph Waldo Emerson Il cervello di fuoco (La Noce d’Oro, 2022) e ha collaborato a curare l’antologia Costellazione parallela. Poetesse italiane del Novecento (Vallecchi, 2023).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Luca Vaglio, Italo Testa, recensione, l’indifferenza naturale, marcos y marcos, poesia contemporanea, laboratorio critico, poesia, mediumpoesia

Luca Vaglio | Su “L’indifferenza naturale” di Italo Testa

Una recensione di Luca Vaglio al nuovo libro di poesie di Italo Testa (Marcos y Marcos, 2018). “Leggendo sembra di percorrere i momenti di un diario poetico-lirico, o di un poemetto, sulla sostanza delle cose, su di una matrice dell’esistente segreta e implicita, sfuggente ed evidente al tempo stesso. I testi appaiono come episodi non vincolati a un’impalcatura formale rigida, eppure tenuti insieme da una connessione sottile, da un tono di fondo che pagina dopo pagina diventa senso”.

continua a leggere »
Gian Piero Bona, Pier Luigi Meneghello

In ricordo di Gian Piero Bona (1926-2020) | Per imbastire una rotta dell’altrove

Vi proponiamo un saggio attento e approfondito di Francesco Occhetto sul poeta e scrittore Gian Piero Bona – che ci ha lasciati il 27 ottobre 2020. Occhetto ripercorre alcune tappe fondamentali della sua biografia, conducendo un’analisi critica della sua opera poetica. A seguire una corposa selezione dei suoi testi, con la presenza di fotografie inedite.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved