Anteprima. “Per non sparire” di Francesca Mazzotta, con un estratto della prefazione di Milo De Angelis.

Presentiamo un'anteprima editoriale della raccolta poetica "Per non sparire" (Industria & Letteratura, 2023) di Francesca Mazzotta, con un estratto della prefazione di Milo De Angelis.

L’impostazione è teatrale, con cinque personaggi sulla scena: il Padre – che incarna il Tempo – e i suoi figli, ovvero memoria, desiderio, realtà e profezia, i quali rappresentano le dimensioni del passato, del possibile, del presente e del futuro. L’impostazione è teatrale, ma il tono è lirico e insieme cosmico. Veniamo precipitati negli abissi della memoria e nel fuoco della profezia, mentre la presenza reale si affaccia più raramente, sottile filo conduttore tra gli sprofondamenti. La scena è alta, grandiosa, ispirata. Francesca Mazzotta scrive un poema biografico e universale, singolare e assoluto, con una tensione alla totalità che confina con il pensiero indiano, con l’Atman proteso al Brahman, con la vita singolare profondamente connessa all’Intero della creazione. Il senso e la richiesta di unità sono molto forti in queste pagine, come è forte il senso della natura, del mare, dei boschi, dei tanti animali messaggeri di verità: pavoni, pernici, cinghiali, tordi, codirossi – nominati con esattezza – ci consegnano il loro annuncio fulmineo e poi spariscono nel vento. Elegia personale e respiro del mondo si intrecciano continuamente. La vicenda intima di un ricordo infantile – le madri che leggono su una spiaggia toscana o la nonna che canta Je ne regrette rien – si immerge all’improvviso nelle galassie e il vicino di casa che accumula nervosamente i mozziconi richiama le ceneri del mondo. Questa virtù di unire cose in apparenza remote attraversa tutta la poesia di Francesca Mazzotta, che è impregnata di analogia […].

Milo De Angelis

***

memoria 1

Giocavamo a nasconderci nelle pance
delle sequoie superstiti nel bosco.
D’estate sotto la sabbia eravamo le mummie.
Eravamo il deserto, un pugno
di sale striato
al buio di un vetro.

*

realtà 1

Sento le suole degli invasori inerpicarsi
per altipiani cresciuti come zanne
su gengive di nebbia
vogliono assediarmi i sogni vogliono
hanno pupille
aguzze di vetro,
miocardi di latta

e il rumore d’ovatta della pioggia
nella semioscurità che ci comprime,
questa sera, tutte le sere.

*

profezia 1

Sarà liberatorio risvegliarsi
più vivi, saper dire
“siamo stati”.

Per primo affiorerà il volto, il collo
bianco perla, le nicchie delle clavicole
il torace: risacca di respiro.

Ancora disabituati al sole sentiremo
tremori di sangue per i gorghi
dei polsi, il suo beato pulsare.

*

desiderio 2

Potremmo ricominciare dalle parole, deciderne
la sorte.
Come di enormità estinte dentro il cuore,
fiere allegoriche da accarezzare

*

GPT-2. III

Abbiamo delle meduse ferite.
Senza coscienza possiamo vedere.
Ma che sta succedendo? Niente?
No, solo una manciata di gelatine
che, c’è da supporre,
non sono meduse: sono
troppo piccole e troppo rigide.
Semplicemente|

*

GPT-2. III

Abbiamo ferito le meduse
senza coscienza mentre
creavamo questa vasta gamma di organismi
nella stessa terra del nostro sistema solare”,
ha detto il signor Musk.
Ha aggiunto che queste meduse
“sembrano quasi un miracolo,
al contrario di|

***

Francesca Mazzotta, classe ‘92, si è laureata in Italianistica all’Università di Bologna, ed è in attesa di discutere la propria tesi di dottorato (Università Cattolica di Milano) sulla linea poetica lombarda dagli anni Cinquanta a oggi. In poesia ha pubblicato Reduci o redenti (CartaCanta, 2016) Umbratile (Origini Edizioni, 2018) e Gli eroi sono partiti (Passigli, 2021, opera finalista al Premio Dessì 2021). Traduce, scrive, poesia soprattutto ma anche recensioni e saggi, anche messaggi su Whatsapp ma nella mente, che lì invecchiano. Lo scorso gennaio il giornalista Paolo Pagliaro ha pubblicato sul sito https://www.9colonne.it/ una sua lettera sul tema della condizione di chi in Italia scrive e si dedica all’umanistica e all’arte, dal titolo J’accusespère. Per non sparire, ultimo suo libro di poesia, uscirà a fine marzo per Industria e Letteratura.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
marcos y marcos, kosuke saito, collateral

Florilegio Invernale

In questo articolo si tenta di assemblare un brogliaccio di note e appunti o, per meglio dire, un abbozzo d’un florilegio invernale che tenga conto di tre recenti uscite Marcos Y Marcos, per la collana Le ali. Nella consueta scrutatio al lumino – si perdoni il termine mutuato dall’esegesi biblica – dei libri, precedente la stesura dell’articolo, è come se avessi ravvisato in loro una terra comune, senza promesse, forse gravida d’esilii e pellegrinaggi. Entrano in una geometria serrata, tracciata dall’occhio che disserra e analizza, con il cesello unisce, per costituire, tra luminescenze e oblii, una costellazione di lingua e senso legata alla perdita. Proprio l’apertura del Satyricon di Petronio è contrassegnata da uno stelo ferito, da un corpo marchiato: “haec vulnera pro libertate pubblica excepi, hunc oculos pro vobis impendi”. “Queste mie ferite le ho subite per la libertà della repubblica, questo mio occhio l’ho perduto per voi”.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved