Poesie e dipinti dell’oblò – John Taylor e Caroline François-Rubino

Una nota di lettura di Francesco Ottonello su "Oblò/Portholes" (Pietre Vive Edizioni, 2019) del poeta John Taylor - con dipinti dell'artista Caroline François-Rubino. «L'oblò è l'unica forma rimasta, l'unica certezza e l'unico sguardo possibili per il ricordo, il presente e ogni immaginazione futura».

Oblò / Portholes, di John Taylor (Pietre Vive Edizioni 2019, traduzione di Marco Morello, illustrazioni di Caroline François-Rubino, postfazione di Franca Mancinelli) è un viaggio decisivo ripercorso attraverso la prospettiva dell’oblò.

L’acqua è l’elemento centrale, che permette la traversata. Insieme al grigio e al lucore cangiante del cielo, predomina un blu tenue, ripreso dai dipinti circolari dell’artista Caroline François-Rubino, sfere incantate che intervallano il poemetto a pennellate di Taylor, richiamando lo sguardo poetico, filtrato appunto dall’oblò di una nave.

Sono «versi scarabocchiati con l’acqua sull’acqua […]» le cui parole sfuocano, sfumano, e «l’oblò è l’ultima forma rimasta», l’unica certezza e l’unico sguardo possibili per il ricordo, il presente e ogni immaginazione futura.

Ogni traversata ha in sé l’elemento del pericolo, al di là della tempistica e della circostanza del viaggio. Forse lo scopo è proprio preservare l’intensità e la delicatezza della traversata senza fine del poeta, nel miracolo ossimorico di «una sfumatura precisa questo presente che passa».

In conclusione – come scrive Franca Mancinelli nella nota  In ascolto dall’oblò – i versi del poeta americano, che vive da tempo in Francia e ha viaggiato per il Mediterraneo, sembrano imprimersi prima «sulla retina» e solo in seguito a un lungo trascorso approdare alla pagina, l’isola possibile e impossibile, l’isola che «sorge verso ciò che è sorto».

Francesco Ottonello

attraverso la foschia 
l’isola
sorge
verso ciò
che è sorto



quest’isola
o un’altra



chiarezza
blu
bluastra

un po’ più in là

fuori


*


mare agitato
dall’altro lato

da questo lato
dell’oblò



mai 
una traversata
senza pericolo

pericolo
lo scopo
o il viaggio



apri l’oblò

la tua mano nel vento
buona come qualsiasi occhio
per quel che va visto

trad. Marco Morello
through mist
the island
rising
to what
has risen



this island
or another



bluish
blue
clarity

off to the side

outside


*


rough sea
on that side

on this side
of the porthole



never 
a sea crossing
without peril

peril
the point
or the passage



open the porthole

your hand in the wind
good as any eye
for what must be seen

John Taylor

Bio

John Taylor, poesie, poesia contemporanea, america, italia, francia, Caroline François-Rubino, Marco Morello, Remembrance of Water & Twenty-Five TreesJohn Taylor (1952) nato a Des Moines (Stati Uniti) vive in Francia dal 1977. È autore di dieci raccolte di racconti, prose brevi e poesie. Sue opere in italiano, tutte nella traduzione di Marco Morello, sono la raccolta di poesie Gli Arazzi dell’Apocalisse (Hebenon, 2007), la raccolta di prose brevi Se cade la notte (Joker, 2014) e la raccolta di poesie L’oscuro splendore (Mimesis, 2018). Ha inoltre tradotto numerosi poeti francesi e alcuni italiani, fra i quali si ricorda particolarmente Lorenzo Calogero con la raccolta An Orchid Shining in the Hand: Selected Poems 1932-1960 (Chelsea Editions, 2015) che ha ottenuto nel 2013 il premio dell’Academy of American Poets.

John Taylor, poesie, poesia contemporanea, america, italia, francia, Caroline François-Rubino, Marco Morello, Remembrance of Water & Twenty-Five TreesCaroline François-Rubino (1960) vive e lavora nei Pyrénées-Atlantiques nel sud della Francia. Oltre alla propria produzione artistica, spesso orientata alla più intima esperienza del paesaggio, ha illustrato cinque libri in collaborazione con John Taylor, Hublots (Éditions L’OEil ébloui), Boire à la Source (Éditions Voix d’encre), Vent / Wind (Éditions Æncrages & Co.), Grassy Stairways (The MadHat Press) e Remembrance of Water & Twenty-Five Trees (The Bitter Oleander Press). Ha lavorato, inoltre, con molti altri poeti francesi e stranieri.

Marco Morello (1956) vive a Torino. Come traduttore contribuisce regolarmente alla rivista «Hebenon», e con le sue poesie, giochi di parole e recensioni di libri a ilgiornalaccio.net.

Nota: Tutte le immagini utilizzate (Hublots, 2019) sono a firma di Caroline François-Rubino, estratte dall’opera Oblò di John Taylor.

Per leggere gli articoli sullo stesso autore vedi qui

image_pdf
0 0 vote
Article Rating
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ultimi articoli

Miriam Bird Greenberg: “The Other World” and other poems

Miriam Bird Greenberg è una poeta e autrice americana, tra le voci più riconosciute del suo paese. Silvia Girardi e Antiniska Pozzi sono riuscite ad intervistarla per MediumPoesia. L’articolo che segue, è la prima parte di un dialogo avvenuto in questi mesi, la cui pubblicazione integrale seguirà nei giorni a venire. I testi sono accompagnati da una lettura in lingua originale ad alta voce dell’autrice e da una lettura in italiano della traduttrice Silvia Girardi.

Attraversare la censura

Oggi vi proponiamo un lavoro inedito dal titolo Attraversare la censura, composto da 4 testi poetici di Francesco Ottonello e 4 cianotipie di Michele Milani. In apertura un estratto di una lettera di Tommaso Di Dio in dialogo con gli autori, che verrà pubblicato integralmente nei prossimi giorni. In coda le letture dei testi dalla voce di Francesco Ottonello e i video realizzati da Michele Milani.

da Ultima*Eldorado | “Nella trasparenza” di Maria Borio

Ultima*Eldorado custodisce una raccolta di quattro interventi di poetica. Maria Borio, Lorenzo Carlucci, Carmen Gallo e Francesco Terzago hanno perlustrato la terra della scrittura, i propri limiti, i propri desideri, portando alla luce ciò che hanno trovato nel percorso.

Eldorado è il sogno degli uomini che vivono fra le poche cose del mondo; e che scavano per cercare. E così trovano non come restare, ma i resti di tutte le cose del mondo.
​Una teoria di reperti, senza indicazioni, senza spazio né tempo; colti ciascuno in una prossimità che diventa imitazione reciproca. Esposti, i reperti si sottraggono sia alla curiosità catalogatrice dell’osservatore sia alla pretesa di una narrazione che imponga loro un inizio e una fine. A chi sappia rinunciare a queste pretese, si dischiude un’ulteriore possibilità: l’abbandono al dialogo delle analogie, alla capacità evocatrice dei segni, al loro ritmico ripresentarsi, verso un travalicamento che è ogni volta un discorso da ricostruire nello sguardo di chi sta guardando. Bisogna cedere a questa trappola liberatoria, all’immobile gioco fra le figure che, sebbene schiacciate sulla pagina e mute, continuano a tessere segnali, rimandi, richiami. Bisogna avere pazienza, rimanere avvinti da queste tracce di intensità, fino a quando non osserveremo più reperti – i tasselli di una morta storia – ma il ritmo vivo che li scioglie e li lega: l’oro del tempo, la poesia.
*
*
*
www.ultimaspazio.com

Qui pubblichiamo un estratto dal saggio di Maria Borio “Nella Trasparenza”.

Emanuele Franceschetti – Per un teatro del tragico

Marilina Ciaco intervista Emanuele Franceschetti (1990), ricercatore, poeta e autore della raccolta in versi “Terre aperte” (Italic Pequod, 2015). In questo articolo si propongono tre testi, in versi e in prosa, accompagnati da una lettura ad alta voce dello stesso Franceschetti.

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x