Inediti di Gerardo Iandoli

Pubblichiamo degli inediti di Gerardo Iandoli in grado di tratteggiare con nitore formale e un senso intriso di inquietudine delle atmosfere di un mondo futuristico e postapocalittico. F. O.

Inediti, Gerardo Iandoli

Il fondo è soffice di questa culla
e il pianto del nascituro cristallizza
il tempo in macchie di attesa.
Ora il suono si fa diverso, poi
si stenta in una sorta di fischio:
ingranaggi trovano il giusto posto
e il pianto riparte. Un drone inciampa
in quelle onde e si tuffa dentro di esse:
non fa in tempo a riconoscere il figlio
in quella culla, un missile che si spezza
sotto la coperta e si espande in sorda
fiammata, che forma un pianto di fili.

 

 

Albero è il termine del nulla in questa
terra: eppure, lì le fronde resistono
allo sbattere di robot contro il tronco.
I rami fondono la materia degli anonimi
e assorbono come siringhe i loro
metalli: le foglie mutano in lamine
e il destino è l’autunno, una caduta
che dà sfogo al taglio
in una ferita senza più corpo.

 

 

Il tozzo naso trionfa sulla faccia
e la fronte è fissa sulla sbarra:
la materia delle mani è la stessa
di quella delle catene. Un fuoco
si accoccola intorno al catturato:
si conia un nuovo colosso, assorto
per quei suoi occhi ormai fusi nel ceppo:
lo sguardo occluso gusta di ruggine,
acre come l’approdo sul pattume.

 

 

Alla stazione dei treni uno schermo recita:
«Allora Dio, nel settimo giorno portò
a termine il lavoro immaginato
e si liberò da ogni sua fatica».
Nella sala d’aspetto, più nessuno.
Il signore della città è lo scavatore
che nei secoli dei secoli scassa
tutto il creato, per un ordine dato
il lunedì di un giorno d’apocalisse. 

 

 

Veglia l’aracnide tra gli asteroidi:
la sua rete è un campo magnetico
che attrae i resti delle derive antropiche.
Ogni cattura emette un bagliore
e per un attimo si disvela il bottino:
una metropoli di morte memorie
buttate sugli scaffali dei sogni
come un tempo si faceva coi corpi
appena dopo l’orgasmo di coppia.
Il mostro non è padrone di niente:
può solo riparare coi pezzi che prende
i punti stanchi della sua rete,
perché dall’accumulo non c’è uscita
e lo spazio aperto è ormai paranoia.

 

 

C’è un che di umano che striscia laggiù:
la telecamera si sofferma sui bordi. 

Uno spasimo, poi scatta l’allarme:
immerso nel rosso quel corpo sparisce.

La luce e il rumore riempiono l’aria
ma vuoto resta il soccorso: del liquido

invade l’asfalto, e il volto di un santo
appare spiritoso come una sentenza.

 

 

Una discarica di occhi di robot
si fissa sul crescere della Luna:
una fontana fantasma si forma
tra i riflessi delle mille pupille.

Un tenero tuono in lampo si ammuta
e il vuoto di mani è il solo rumore.

 

 

Nota biografica  

Gerardo Iandoli (Avellino, 1990) si è laureato a Bologna in Italianistica e ha conseguito un dottorato in Lingua, Letteratura e Cultura Italiana presso l’Università di Aix-Marseille. Si occupa di rappresentazioni della violenza e del potere nella letteratura italiana contemporanea. Scrive di poesia per “Strisciarossa” e di narrativa per “Argo”. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Arrevuoto” (Oèdipus 2019).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il «teatro fuori quadro» | Una nota di lettura su Posti a sedere di Luciano Mazziotta (Valigie Rosse, 2019)

Luciano Mazziotta (Palermo, 1984) vive a Bologna e insegna Letteratura italiana nei licei. Dopo Città biografiche (2009), nel 2014 è uscito il suo secondo libro di poesie Previsioni e lapsus (Zona). In questa nota di lettura Francesca Mazzotta presenta l’ultima raccolta del poeta, intitolata “posti a sedere” (Valigie Rosse, 2019)

continua a leggere »
Emily Dickinson, Francesco Cappellani, Oak Ridges, Usa, Manhattan, atomic bomb

Emily Dickinson: la poesia e l’atomo a Oak Ridge U.S.A.

Il nostro affezionato collaboratore Francesco Cappellani, classe 1935, dopo essersi occupato per il nostro sito delle poetesse Gertrud Kolmar, Nadia Campana, Antonia Pozzi, Amelia Rosselli, Silvia Plath e Marina Cvetaeva, ci racconta di un suo peculiare incontro di 58 anni fa con Emily Dickinson e la sua poesia, in un centro atomico statunitense.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved