Giuliano Guatta: la testimonianza è il marchio che imprimo

Silvia Girardi intervista l'artista Bresciano Giuliano Guatta, autore del progetto "Ginnica del Segno" (2008 - in corso), a proposito del rapporto con il processo creativo, con la pittura, la performance e con la parola.

Le tue opere hanno uno stretto rapporto con la memoria e con il rito. Da dove proviene questo legame tematico e quali sono le suggestioni che ricorrono nel tuo racconto pittorico?

Da alcuni anni l’interesse per la memoria non è più così centrale o meglio ha subito uno spostamento rispetto agli inizi: se originariamente ricostruivo fatti vissuti o a cui avevo assistito, col passare del tempo certi elementi, certi soggetti appartenenti al mio archivio mnemonico, assumevano una valenza diversa, diventavano autonomi, svincolati da una dimensione temporale, avvicinandosi più ad una dimensione assoluta, simbolica e archetipica. Da qui l’avvicinamento al rito, alla gestualità in relazione al segno, alla performance.

Come si genera il tuo primo impulso all’azione pittorica e come si manifesta nello spazio e poi su supporto pittorico? Raccontaci come evolve il tuo processo creativo prima di raggiungere all’opera su tela, carta o legno.

Il mio è un lavoro piuttosto eterogeneo, soggetto anche a brusche deviazioni di rotta, tuffi nel caos e ritorni all’ordine, beatamente incoerente. Il processo creativo è estremamente mutevole, ma penso che l’impulso originario sostanzialmente sia quello di puntare ad bersaglio, anche se indistinto e cercare di colpirlo. Mi sento come un predatore che insegue la preda. L’inseguimento a volte inizia esitante, poi, gradualmente, la corsa si fa sempre più serrata, finché non raggiungo l’obbiettivo. Allora tutto diventa più chiaro, più distinto, più nitido.

Una direzione che ho aperto recentemente nel mio lavoro è incentrata sul ritratto, l’autoritratto e la loro combinazione: Il mio volto va a sostituire il volto dell’altro e viceversa. Anche in questa processo c’è un atteggiamento predatorio: catturo e sono catturato.

Giuliano Guatta, Silvia Girardi, MPOFF, ginnica del segno, brescia, MediumPoesia
Foucault/Guatta/Michel Foucault/Guatta/Foucault, pastello a olio su tavola, cm 35x75, 2019

Da anni ti dedichi all’aspetto motorio e spaziale del gesto pittorico, con una disciplina fondata sulla consapevolezza del movimento che chiami Ginnica del Segno. Quali sono gli ultimi sviluppi di questa tua ricerca volta alla liberazione del segno? In quali opere hai sintetizzato questa pratica?

Stigma degli emisferi, è forse l’ultima frontiera di questo mio percorso. Un segno rosso e uno blu, in riferimento all’emisfero destro e sinistro. In sostanza marchio i luoghi, le cose, gli oggetti che in quell’istante “necessitano” di essere marchiati. Questa necessità penso sia legata ad un desiderio di “fare mio” il soggetto in questione, ma non di possederlo. E’ come se mi mettessi davanti ad un modello, oggetto, luogo, persona e lo ritraessi, ne facessi esperienza…il mio sguardo e il mio segno collimano su di esso e il marchio che imprimo è la testimonianza di questa esperienza (persiste anche qui l’atteggiamento predatorio…).

In questo lavoro credo di essermi avvicinato maggiormente ad un idea di unione tra segno e rito. Ginnica del Segno si muove anche in una dimensione terapeutica, in particolare per quel che riguarda l’aspetto neuoromotorio. Recentemente ho lavorato con un ragazzo ipotonico, con importanti difficoltà di motorie. In sintesi ho guidato le sue mani a tracciare linee all’interno di mappature strutturare. Dapprima fisicamente, stringendo nella mia la sua mano che a sua volta impugnava un pastello, accompagnandola, seguendo i punti precedentemente stabiliti all’interno della mappatura e poi gradualmente, avendo acquisito più autonomia, guidando il suo movimento indicando di volta in volta i punti da collegare.

Un altro aspetto, che è sempre stato presente nella pratica di Ginnica del Segno e che recentemente ha assunto una forte rilevanza, è quello relativo al rapporto tra suono, segno e ritmo. Ho fatto esperienze oltre che didattiche anche performative in questa direzione. Durante la mia ultima mostra a Modena (settembre 2019), presso la Galleria D406, ho presentato una performance, Hemisphaeria, in collaborazione con Paolo Camisani, un suonatore di sarod, uno strumento tradizionale a corde indiano. Un cajon, precedentemente rivestito di carta, veniva da me suonato/percosso/segnato in un dialogo serrato col sarod:  l’immagine scaturita dalla sovrapposizione di segni/suoni sulla superficie del cajon, e l’interazione dei due strumenti,  rimandavano metaforicamente agli emisferi cerebrali, alla relazione tra parte destra e sinistra del cervello.

Il dato fondamentale di questa pratica, Ginnica del Segno, è che la liberazione del segno avviene, o almeno ambisce a tale condizione, attraverso la costrizione e la disciplina.

Giuliano Guatta, Silvia Girardi, MPOFF, ginnica del segno, brescia, MediumPoesia
La gestazione del Segno, workshop, Palazzo Cominelli, Cisano, 2011

Quale è il tuo rapporto con la poesia? Ci sono dei poeti che hanno ispirato le tue opere?

In passato ho fatto esperienze sulla relazione tra segno e parola. La dimensione poetica mi interessa in particolare quando si incontra con quella filosofica, come in Maria Zambrano, che trovo illuminante, ma direi che non ci sono poeti che hanno ispirato le mie opere, non direttamente almeno.

Recentemente ho letto Bashò, un poeta giapponese del ‘600: non l’ho letto in giapponese e non so quindi fin dove possa essere arrivata la mia comprensione dei suoi testi, ma devo dire che la consistenza delle cose di cui parla, lo stagno, il sentiero, l’uccello…l’ho sentita molto vicina.

Bio

Giuliano Guatta è nato a San Felice del Benaco, Brescia, nel 1967. Oltre all’attività espositiva, dal 2008 da inizio ad un progetto, Ginnica del Segno, improntato sulla relazione tra movimento del corpo e segno. Di seguito, un elenco delle principali mostre, performance e workshop tenuti dall’artista.

2019 
Fisiognomica del pensiero, D406, Modena

2018
Polittico della Terza Virtù. Chiesa di San Jacopo al Tempio, San Gimignano, a cura di Pierangelo Prestini
Selvatico 13 Fantasia Fantasma. Pittura tra immaginazione e memoria, Palazzo Pezzi, Cotignola, a cura di Massimiliano Fabbri

2016
Alter, Drawville, performance, Sala dell’Arengo, Biennale Disegno Rimini, a cura di Massimo Pulini
Gymnastic of Sign. Relaction/Interaction, video presentato nell’ambito di Draw to perform 3, Drawing 

Performance e Workshop, An international symposium for Drawing Performance, a cura di Ram Samocha, Crow Nest Gallery, London

2015
Combattimento.Ballo.Seduti, workshop, MART, Rovereto, a cura di Annalisa Casagranda

2013
Partecipazione al progetto teatrale Umanità, di Silvia Girardi, residenza presso il Teatro dei Segni, Modena
Disegno Marziale, a cura di Annalisa Ghirardi, Sala dei Provveditori, Salò

2010
MRPLS Movimento di Ricerca e Pratiche di Liberazione del Segno
D406 Arte Contemporanea, Modena

Instagram: @giulianoguatta.ginnicadelsegno

image_pdf
0 0 vote
Article Rating
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ultimi articoli

Miriam Bird Greenberg: “The Other World” and other poems

Miriam Bird Greenberg è una poeta e autrice americana, tra le voci più riconosciute del suo paese. Silvia Girardi e Antiniska Pozzi sono riuscite ad intervistarla per MediumPoesia. L’articolo che segue, è la prima parte di un dialogo avvenuto in questi mesi, la cui pubblicazione integrale seguirà nei giorni a venire. I testi sono accompagnati da una lettura in lingua originale ad alta voce dell’autrice e da una lettura in italiano della traduttrice Silvia Girardi.

Attraversare la censura

Oggi vi proponiamo un lavoro inedito dal titolo Attraversare la censura, composto da 4 testi poetici di Francesco Ottonello e 4 cianotipie di Michele Milani. In apertura un estratto di una lettera di Tommaso Di Dio in dialogo con gli autori, che verrà pubblicato integralmente nei prossimi giorni. In coda le letture dei testi dalla voce di Francesco Ottonello e i video realizzati da Michele Milani.

da Ultima*Eldorado | “Nella trasparenza” di Maria Borio

Ultima*Eldorado custodisce una raccolta di quattro interventi di poetica. Maria Borio, Lorenzo Carlucci, Carmen Gallo e Francesco Terzago hanno perlustrato la terra della scrittura, i propri limiti, i propri desideri, portando alla luce ciò che hanno trovato nel percorso.

Eldorado è il sogno degli uomini che vivono fra le poche cose del mondo; e che scavano per cercare. E così trovano non come restare, ma i resti di tutte le cose del mondo.
​Una teoria di reperti, senza indicazioni, senza spazio né tempo; colti ciascuno in una prossimità che diventa imitazione reciproca. Esposti, i reperti si sottraggono sia alla curiosità catalogatrice dell’osservatore sia alla pretesa di una narrazione che imponga loro un inizio e una fine. A chi sappia rinunciare a queste pretese, si dischiude un’ulteriore possibilità: l’abbandono al dialogo delle analogie, alla capacità evocatrice dei segni, al loro ritmico ripresentarsi, verso un travalicamento che è ogni volta un discorso da ricostruire nello sguardo di chi sta guardando. Bisogna cedere a questa trappola liberatoria, all’immobile gioco fra le figure che, sebbene schiacciate sulla pagina e mute, continuano a tessere segnali, rimandi, richiami. Bisogna avere pazienza, rimanere avvinti da queste tracce di intensità, fino a quando non osserveremo più reperti – i tasselli di una morta storia – ma il ritmo vivo che li scioglie e li lega: l’oro del tempo, la poesia.
*
*
*
www.ultimaspazio.com

Qui pubblichiamo un estratto dal saggio di Maria Borio “Nella Trasparenza”.

Emanuele Franceschetti – Per un teatro del tragico

Marilina Ciaco intervista Emanuele Franceschetti (1990), ricercatore, poeta e autore della raccolta in versi “Terre aperte” (Italic Pequod, 2015). In questo articolo si propongono tre testi, in versi e in prosa, accompagnati da una lettura ad alta voce dello stesso Franceschetti.

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x