Il ritorno dei “Libretti verdi”. Con un estratto di “Rina” di Rosaria Lo Russo

Presentiamo la nuova collana triestina "Libretti verdi" a cura di Beatrice Achille e Carlo Selan, con un estratto di "Rina" di Rosaria Lo Russo che ha inaugurato la collana (Battello stampatore 2021), a cui seguono nel 2022 "Guida" di Giuseppe Nava e "Incovertendo" di Gino Scartaghiande.

All’inizio degli anni duemila a Trieste nascevano i Libretti Verdi, collana di poesia curata da Luigi Nacci, Matteo Moder e Ugo Pierri per il Battello stampatore, in un fermento poetico cittadino allora molto vivo. Un progetto nato per dare forma a una mappatura in plaquette di quella che allora era una scena letteraria emergente o in rinnovamento: gli scritti giovanili di Rosaria Lo Russo e Gabriele Frasca trovavano confronto con i primi versi di Luigi Nacci, mentre ci si poteva affacciare solitari alla poesia di Luigi Di Ruscio. Una sorta di “collana – cartografia” curata nell’esecuzione, dalla scelta della carta fino ad arrivare all’impaginazione. Vent’anni dopo, sempre a Trieste, fioriscono i nuovi Libretti verdi, o Libretti luminosi, con diversa veste (ora la copertina è bianca) e diverso intento che li guida. Un trittico, curato da Beatrice Achille e Carlo Selan per ZufZone, nato all’insegna di una luminosità che dalla parola poetica si getta come freccia nell’io. Con tale esperienza si segue l’esempio di tanti autori che hanno fatto della letteratura un luogo necessario ma non limitante, nella convinzione che ogni distinzione formale sia del segno e non di quanto lo anticipa. Che la poesia continui a essere un “fare”, che resti sempre una vitalità dinamica, una vitalità luminosa.
L’editore rimane Battello stampatore, il luogo in cui ogni cosa prende forma è sempre Trieste, la cura e l’attenzione per l’oggetto – libro è mantenuta. I libri, nuovi, bianchi, intessuti di filo verde, sono:

Rina, di Rosaria Lo Russo (Battello stampatore 2021)
Guida, di Giuseppe Nava (Battello stampatore, 2022)
Inconvertendo, di Gino Scartaghiande (Battello stampatore, in uscita)

«Quasi tutte le poesie della piccola raccolta dedicata a Rina, in memoria dei miei nonni, quello materno, toscano, quella paterna, calabrese, sono le poesie di me da piccina. Di me piccola. Un antefatto. Di me lirica, del mio anelito ancora a rincuorarsi con la poesia, a cercare attraverso la poesia una pacificazione con la morte, che però, già ne Il sogno di Donna Tittina, viene a perdersi nel tumulto del teatro e della prosa. E così, la piccola lirica consolatoria, con la sua abnorme innocenza, che qui si diceva, è poi diventata il sottofondo spettrale della mia poesia successiva,
quasi invisibile, ma che continua, impercettibilmente, a emettere grida.»      

Rosaria Lo Russo su Rina (Libretti verdi, Battello stampatore 2021)

Poesie tratte da Rina

La devozione

I

Io a te
sempre
devotissima fui

perché m’ammali?

in quel recesso
d’Umbria magica
io vidi

i tuoi occhi abbassati
la tua mano appoggiata

i due gesti di Grazia

nel baricentro
l’Arte insuperabile
lo stupore perpetuo

A quella tua forma
sempre devota
io fui

perché sei nell’ombra
perché sempre riappari

(quale scherzo atroce
mi giochi
quando ti fai Natura?)

(perché ci diverti?)

In altra immagine
tu diventi
mito di colombe
frullìo,
rito sommesso

– « madre della madre » –
speranza delle speranze

Tu dolce eterna
Tu tenerezza glaciale
Tu ai confini dell’Umbria o ancora Toscana?
Tu sola e al freddo,
amore.

 

Le fresie

Le fresie
fra aria e acqua
sono esplose

(un tempo nella tua mano forte)

Di nuovo
è il fremito
delle visite a San Martino

– nel giorno del Signore –

In primavere fredde
le fresie
hanno il magnifico potere
di distinguersi nette
colore per colore

(così le guardavano i tuoi occhi pietreserene)

Ed era il gioco
delle fughe e dei sassi
accanto il tuo passo pacato
nell’Eden di pesche e albicocche
dei tuoi fichi dottati

Ma quest’odore più forte
del fiore
è lo schianto
del duro silenzio
d’ottobre.

E devono gli occhi
saper bagnare più cielo
e senza affanno magnificarti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Gian Piero Bona, Pier Luigi Meneghello

In ricordo di Gian Piero Bona (1926-2020) | Per imbastire una rotta dell’altrove

Vi proponiamo un saggio attento e approfondito di Francesco Occhetto sul poeta e scrittore Gian Piero Bona – che ci ha lasciati il 27 ottobre 2020. Occhetto ripercorre alcune tappe fondamentali della sua biografia, conducendo un’analisi critica della sua opera poetica. A seguire una corposa selezione dei suoi testi, con la presenza di fotografie inedite.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved