Guarire dalla psicosi da coronavirus – Confessioni di un italiano

Una breve riflessione di Francesco Ottonello (fondatore del progetto MediumPoesia) sul protrarsi dell'emergenza COVID-19 in Italia e all'estero.

In questi giorni più che mai precari, di instabilità che volge in schizofrenia, di ansie personali che si rivoltano in panico generale, sarebbe opportuno sì ritirarsi, ma per riporsi a sé, placare la logorrea. Non è saggio, né bello, né utile riparare in un logos che alimenta lo sfogo di sé stesso. Per questo, senza tante altre troppe superflue, o peggio, nocive parole, vorrei condividere il mio invito a un ritiro sereno dalla psicosi da coronavirus. E, come si suole dire, facendo di necessità virtù, suggerirei di non urlare prematuramente all’irreparabile, non fare riverberare inquietudini sterili, becere, non esplodere in uno sbigottimento vuoto. Pertanto, in un mondo di “disagi” ben più vasti e complessi, facciamo sì, noi che non siamo le vittime del mondo, di essere degni di questa porzione di spazio e di tempo, e di trovare, dunque, il nostro “agio” interiore, per una possibilità di rilancio. Per questo, il mio slancio parte così, con la condivisione di queste parole tratte da Le confessioni di un italiano di Ippolito Nievo (scritto negli anni caldi 1857-58, poco prima dell’Unità di Italia e edito postumo nel 1867), parole di un ottuagenario…

«Al limitare della tomba, già omai solo nel mondo, abbandonato cosí dagli amici che dai nemici, senza timori e senza speranze che non siano eterne, libero per l’età da quelle passioni che sovente pur troppo deviarono dal retto sentiero i miei giudizi, e dalle caduche lusinghe della mia non temeraria ambizione, un solo frutto raccolsi della mia vita, la pace dell’animo. In questa vivo contento, in questa mi affido; questa io addito ai miei fratelli piú giovani come il piú invidiabile tesoro, e l’unico scudo per difendersi contro gli adescamenti dei falsi amici, le frodi dei vili e le soperchierie dei potenti. Un’altra asseveranza deggio io fare, alla quale la voce d’un ottuagenario sarà forse per dare alcuna autorità; e questa è, che la vita fu da me sperimentata un bene; ove l’umiltà ci consenta di considerare noi stessi come artefici infinitesimali della vita mondiale, e la rettitudine dell’animo ci avvezzi a riputare il bene di molti altri superiore di gran lunga al bene di noi soli. La mia esistenza temporale, come uomo, tocca omai al suo termine; contento del bene che operai, e sicuro di aver riparato per quanto stette in me al male commesso, non ho altra speranza ed altra fede senonché essa sbocchi e si confonda oggimai nel gran mare dell’essere. La pace di cui godo ora, è come quel golfo misterioso in fondo al quale l’ardito navigatore trova un passaggio per l’oceano infinitamente calmo dell’eternità. Ma il pensiero, prima di tuffarsi in quel tempo che non avrà piú differenza di tempi, si slancia ancora una volta nel futuro degli uomini; e ad essi lega fidente le proprie colpe da espiare, le proprie speranze da raccogliere, i propri voti da compiere».

Francesco Ottonello

image_pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ultimi articoli

Nuovo commento # | su Youtube

Davide Paone ci introduce al nuovo progetto di Ivan Schiavone, Pierpaolo Cipitelli, Stefano Colangelo e Cecilia Bello Minciacchi, che intreccia critica, testo poetico, lettura, immagine ed effetti sonori.

Felicia Buonomo.
Le sette domande di MediumPoesia

Con questa pubblicazione inauguriamo il nuovo format elaborato dalla redazione di MediumPoesia: 7 domande a cui i poeti contemporanei risponderanno, con la selezione di alcuni testi inediti, di un libro in uscita o appena pubblicato.

Per prima abbiamo intervistato Felicia Buonomo, giornalista, scrittrice, poeta, che ci ha proposto due testi, qui introdotti dalle sette risposte date dall’autrice alle nostre domande.

CapoVersi di Bompiani: una nuova collana di poesia

Nel 2019 nasce una nuova collana di poesia per Bompiani, ad arricchire il panorama editoriale italiano. Giulia Vielmi intervista Beatrice Masini, direttore editoriale, Paolo Maria Bonora e Gerardo Masuccio.

Su “Un paese di soli guardiani” di Marco Villa

Pietro Cardelli, poeta, critico, redattore della rivista «formavera», racconta il libro d’esordio di Marco Villa (Lecco, 1989) “Un paese di soli guardiani” pubblicato nel 2019 e incluso nella collana A27 di Amos Edizioni.

da Ultima*Eldorado | “Lettera al prete Gianni” di Lorenzo Carlucci

Riprendiamo il ciclo di pubblicazioni legate al primo volume del progetto Ultima, Ultima*Eldorado. Dopo il saggio a firma di Maria Borio, in apertura del volume, pubblichiamo un estratto dello scritto successivo, di Lorenzo Carlucci, intitolato “lettera al prete Gianni”.

Ultima*Eldorado custodisce una raccolta di quattro interventi di poetica. Maria Borio, Lorenzo Carlucci, Carmen Gallo e Francesco Terzago hanno perlustrato la terra della scrittura, i propri limiti, i propri desideri, portando alla luce ciò che hanno trovato nel percorso. Eldorado è il sogno degli uomini che vivono fra le poche cose del mondo; e che scavano per cercare. E così trovano non come restare, ma i resti di tutte le cose del mondo.​

Andrea Breda Minello: “Variazioni e omaggi” | Traduzioni d’autore

Andrea Breda Minello è nato a Treviso nel 1978, è docente, scrittore, traduttore e poeta. I testi che vi proponiamo in questo articolo sono estratti dal suo primo quaderno di traduzioni, in preparazione, che raccoglie ventidue autori diversi per luoghi ed epoche di provenienza. Ogni autore è presentato attraverso una breve prosa di introduzione, che ne chiarisce il rapporto con il traduttore.

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x