Umberto Piersanti | Le sette domande di MediumPoesia

MediumPoesia rivolge le sette domande al poeta Umberto Piersanti. Il suo libro di poesie più recente è "Nel folto dei sentieri" (Marcos y Marcos, 2015), finalista vincitore al Premio Dessì 2015.

in copertina: Umberto Piersanti (foto di Dino Ignani)

1. Tra i libri usciti nel primo ventennio degli anni 2000, ne trovi almeno 5 che per te siano fondamentali?

Diversi sono i libri importanti come,ad esempio “ Historie” di Antonella Anedda. Un libro,a mio parere fondamentale, è “Biografia sommaria” di Milo De Angelis. Tra i libri importanti mi sento di mettere la mia raccolta “L’albero delle nebbie”.

2. Se incontro un poeta, possibilmente, non lo riconosco subito. C’è un modo per riconoscere un poeta? Nella tua esperienza, il fatto di scrivere poesia si riflette nella vita quotidiana?

Certo non è l’aspetto un elemento fondamentale. Posso avere un viso intenso e sofferto, i capelli lunghi, gli occhi accesi e, magari solo gioco a fare il poeta. Montale aveva l’aspetto di un ragioniere o di un commerciante, ma era un grandissimo poeta. Bisogna parlare con qualcuno per individuarne la natura di poeta: non tanto per la complessità di ragionamento che varie volte nei poeti manca, ma per le sue capacità intuitive, emotive o, al limite, visionarie. Io, però, penso di essere un poeta che sa usare la ragione quando analizzo cronache e storia.

3. Come è il tuo rapporto, in quanto autore, con i lettori e con i colleghi?  Senti di fare parte di una comunità, a cui aderisci?

Non voglio ricercare il consenso dei lettori, ma la loro stima e la loro empatia sì. Naturalmente mi sento parte di una comunità che ha fatto della poesia una scommessa di vita.

4. Ci sono delle tradizioni poetiche in altra lingua, che conosci o ti affascinano particolarmente?

Carlo Bo e Oreste Magrì hanno tradotto magnificamente Lorca e altri autori. Molto belle le traduzioni dell’Iliade e dell’Odissea ad opera della Calzecchi Onesti.

5. Nel tuo processo di scrittura, ti capita di raccogliere stimoli da altre forme artistiche o da discipline scientifiche?

Il cinema ha avuto una parte importante nella mia formazione: non a caso una mia raccolta si chiama “Passaggio di sequenza”. In particolare sono stati importanti il cinema degli anni ’60 da Bergman a Malle ad Antonioni, ai film dell’Europa orientale. Sono autore anche di un film,”L’età breve”(1969) e di tre film poemi:”Sulle Cesane”(1982) , “Un’altra estate” e “Ritorno d’autunno” (1988). Anche la pittura, in particolare Raffaello e altri autori rinascimentali, mi hanno spinto a cercare quell’armonia che si ottiene solo attraversando ostacoli e dolori.

6. Che rapporto hai con la rima?

Non ho mai scritto volutamente poesie in rima: ma amando molto la tradizione lirica italiana, e il”canto”, talora ho avvertito una spontanea necessità di usarla.

7. Ci sono 3 poeti delle nuove generazioni che ritieni particolarmente preminenti e/o a cui pensi sarebbe interessante porre queste domande?

Non conosco molto bene i poeti tra i trenta e i quarant’anni. Ritengo che prima di quell’età si tratta il più delle volte di casi giornalistici. Su un poeta giovane mi sento di investire: Riccardo Canaletti, fresco vincitore del Premio Pordenonelegge poesia 2020.

Primi di settembre

si è fatto raro

e incerto, il canto

assordante delle cicale,

canto cupo

e ossessivo nell’estate

che di veleni ci cerchia

e ci minaccia,

e più non si prolunga

nella notte, oscurando

ogni voce e fremito

che da sotto la terra

sale o trema

e vibra tra le foglie,

adesso è la musica tenue

dei grilli, musica

che i bei campi d’erba spagna

ancora azzurri per la morbida

luna che li inonda,

percorre e illumina

e almeno un poco

ci consola

ma presto arriva il gelo

che quella voce stronca,

tacciono i grilli nelle oscure

tane sprofondati,

si fa muta la terra

in questa lunga attesa

del risveglio

settembre 2020

Nota 1: nella parlata urbinate l’erba spagna è l’erba medica

*

Viola d’inverno


no, non tra le acque limpide,
le fredde erbe dei fossi,
ma qui, su questo greppo
scorticato da cancelli
e luci lattiginose
di lampioni nella strada sotto,
Natale se n’è andato
da un giorno solo,
un altro, intero anno
ormai trascorso,
la nebbia che si dirada
a tratti per un chiarore
tremulo e celeste,
scopre una viola
pallida e stupita
così fuori stagione,
d’ogni senso,
tra muschio lucente
e malva spenta

no, non metterla
nel presepio,
tra le brecce
bianche, i frutti rossi
di pungitopo, gli stecchi
secchi del dicembre
che bruciano nei forni
o sopra i monti,
non turbare l’inverno
che quella grotta tiepida
di fiati e paglia
illumina e riscalda

in questo stesso greppo
stento e scorticato,
un cespo di ciclamini,
il più tenace,
riluceva nel gelo

fino a dicembre
questa terra squallida
e contorta, profanata
dagli uomini e dai cani,
due fiori l’hanno scelta,
così segreti
ed appartati,
caso o necessità
non c’è risposta

in un tempo remoto
che la memoria cede
sempre al sogno,
fino qui scendeva
della prima casa
– Villa Gloria di vetri
colorati, di balconi –
quell’orto solo
e immenso,
col padre tra le canne
dei fagioli, le rose
e l’insalata
attorno al pozzo,
lo cerchia dell’infanzia
il vasto cielo

ma tra l’erbe inzuppate
d’acqua nera
più non scorgi la viola
il giorno dopo

e nella casa antica
sotto il fosso
quei morti appena nati
color seppia,
dal limbo che minaccia
li protegge
i cuori e gli altri segni
alle pareti

che senso ha la vita
per chi nella vita dimora
un solo istante?
la fatica del nascere
a che serve?

nata fuori stagione,
subito spenta,
questa viola d’inverno
mi rallegra,
la primavera cova
sotto il gelo

per quelli nati
e morti alle pareti
nessun annuncio c’è
di primavera,
ma il dono della nascita
permane

Dicembre 2009

Umberto Piersanti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il «teatro fuori quadro» | Una nota di lettura su Posti a sedere di Luciano Mazziotta (Valigie Rosse, 2019)

Luciano Mazziotta (Palermo, 1984) vive a Bologna e insegna Letteratura italiana nei licei. Dopo Città biografiche (2009), nel 2014 è uscito il suo secondo libro di poesie Previsioni e lapsus (Zona). In questa nota di lettura Francesca Mazzotta presenta l’ultima raccolta del poeta, intitolata “posti a sedere” (Valigie Rosse, 2019)

continua a leggere »

J.K. Stefánsson | Incipit da “Storia di Ásta”

A interessare J.K. Stefánsson è proprio quel ritmo, quella vibrazione che attraversa mondo e corpo e che è alla base di meccanismi percettivi e recettivi tra uomo e natura. Un articolo di MediumPoesia con lettura in lingua originale dell’autore, dal suo ultimo romanzo “Storie di Ásta” (Iperborea, 2018)

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved