Anteprima. “Diktionarium” di Giorgia La Placa, con un estratto della prefazione di Maria Borio.

Presentiamo un'anteprima editoriale della raccolta poetica "Diktionarium" (Samuele Editore, 2023) di Giorgia La Placa, con un estratto della prefazione di Maria Borio.

La voce latina del titolo (dictionarium), declinata con la variante fonetica della lettera – k al posto di c – mette subito davanti a un intento normativo. Il libro parte dalla lingua per offrire una rappresentazione del suo spettro attuale. Le quattro sezioni compongono una specie di struttura genealogica, come un albero di famiglia per i nove focus linguistici che il nostro modo di esprimerci – soprattutto della generazione giovane, coetanea all’autrice – sta attraversando. Il plurilinguismo di una popolazione sempre connessa, che vive nel digitale e si sta affacciando alla ‘realtà aumentata’, è scandito nella prima sezione, Dizionarietto, dove la mescolanza tra le lingue segue un andamento alfabetico. Anche autrici come la danese Inger Christensen, con Alphabet, e Antonella Anedda, con Il catalogo della gioia, avevano trovato una struttura alfabetica per la forma dei loro libri. In questo caso, però, l’uso della nomenclatura secondo l’ordine alfabetico rimanda a un processo random che, a partire dalle iniziali di parole diverse in lingue diverse, raffigura un campo linguistico trasversale. Il mondo delle lingue è una galassia in espansione: si plasma e riplasma continuamente. Le tessere linguistiche sono scaglioni vertiginosi di una pioggia di lettere e dati molto rapidi, come dentro un processore neuronale. Nella sezione successiva, Lessico-lessici, entriamo a contatto con neologismi: “africava” ad esempio, per dire che il clima estivo di Milano è diventato caldo come quello africano. “La lingua diagonale ci ascolta soffoca plasma” si legge: la lingua che disponiamo è messa alla prova da nuove condizioni, da processi e innovazioni, e le parole, come fossero autocoscienti, si accorgono dei limiti dei loro significati per aprirsi a nuove possibilità.

Maria Borio

*

Сушняк

Getsemani a San Giovanni oggi,
sempre più aspri i passi poi il battesimo fra i portici.
aiutatemi a non avere sete, mentre mi inzuppano
la testa, ma una strada ci vuole nel deserto
ed è forse la viuzza asfaltata alla mia destra.
Lì è tutto un micelio e io […]
dicono di me:
‘era una brava persona, faceva proprio la
muffa’.

E poi spesso si aggiunge: “sudava sangue”.

*

Cirasa

sono arrivati a disturbaci il sonno – parlava di zanzare.
sono cose da grandi – tempestava.
in estate la città diventa una caramella, si tumefaceva
e mi si schiariva lenta.
un anno di disfacimenti o accorgimenti.
mia nonna si catapulta al frigo, mi dice:
I cirasa su troppu duci, stu annu.
mi fermo, analizzo bene, come in latino:
si scompagina la vocale breve e si torna al verbo.
Le cose poi erano quelle che sono:
1°. il latte per merenda
2°. la padronanza dei miei spazi.

*

Registrazione 43

si sfiora la gamba e butta un “fuuuuu” all’aria
(fffffffffffffffffffffffu)
mi dice che i pavimenti, i maledetti pavimenti
a furia di accontentare i clienti […] si è trovato nei migliori
ospedali di qui.
ma che cosa significa “qui” detto in quel dialetto,
che terra stava descrivendo diteggiando?
––––––––––––––––––_ _ _ _–––––––––––––––––––_
con una espressione fiera cammina storto
accanto alla signora che compra ogni giorno
tre chili di cuore di maiale per il suo dogo di Bordeuax.
al medico ho detto con l’osso che mi avete tolto
stasera ci faccio il brodo
+

E perciò oggi si dice: “sul monte il signore provvede”.

*

Le storie sulla Passione, sull’Orto degli ulivi
e condivamo sempre col disegno finale della croce.
Poi il discorso sull’etimo dell’etichetta lignea
sul capo di Cristo.
avevamo idee diverse e anche l’accento e la posa con cui
[recitavamo:

Mio Dio
mio Dio
perché mi hai abbandonato

*

Luctatio

Certo, qui il caldo,
ma tu non ricordi Milano che africava nella stanza
e ti dava pugni sulla testa – sine adversario nulla luctatio est.
un nemico ogni giorno diverso.
Era avere cagionevolezza mentre sillabavi
o sbavavi –

*

Тоcка

Tosca tossisce annaspa fiorisce, a marzo.
il morbido lamento delle autostrade la fa sudare,
vorrebbe scendere di nuovo nel suo corpo.
ricorda di quei film in cui la telecamera dall’alto poi
sprofonda ed è un attimo prima che il naso le indichi
la strada di casa di nonna.
Nabokov suggerisce l’impossibilità di tradurre ‘Тоска’
ci si limita a girarci intorno come i cani.
si allarga il campo, panorami bancarelle

– cielo bianco a Rimini

***

Giorgia La Placa è nata a Palermo il 02/02/1996. Si è laureata a Bologna in Archeologia ed è una insegnante di Lettere. Nel 2019 è uscito il suo primo libro Il punto morto del mondo (LietoColle) e diverse sue poesie sono apparse in riviste come Inverso – rivista di poesia, PoetarumSilva, MediumPoesia, Poesia del nostro tempo. Collabora attivamente con lo Spazio Letterario di Bologna ed è curatrice della rassegna poetica Old/Young.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Felicia Buonomo, sette domande con MediumPoesia,

Felicia Buonomo | Le sette domande di MediumPoesia

Con questa pubblicazione inauguriamo il nuovo format elaborato dalla redazione di MediumPoesia: 7 domande a cui i poeti contemporanei risponderanno, con la selezione di alcuni testi inediti, di un libro in uscita o appena pubblicato.

Per prima abbiamo intervistato Felicia Buonomo, giornalista, scrittrice, poeta, che ci ha proposto due testi, qui introdotti dalle sette risposte date dall’autrice alle nostre domande.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved