Estratti da “Un doppio limpido zero” di Raffaele Carrieri

Proponiamo alcuni estratti da "Un doppio limpido zero" (Interno Poesia, 2023), antologia di poesie scelte dall'opera di Raffaele Carrieri, con uno stralcio dalla prefazione di Stefano Modeo.

[…] Ciclicità e straniamento, sono queste due parole che racchiudono tutto ciò che mi ha attratto sin dal primo momento nella poesia di Carrieri. La capacità di ripercorrere, in un moto di avvicinamento e allontanamento, il proprio mondo reinventandolo. Una sorta di giocoliere che in un trick fa ruotare in aria i propri versi eseguendo uno schema preciso, basato tutto sul rapporto di durata e di permanenza in aria, su avvicinamento e allontanamento di ciò che si maneggia: «Si addice al mio verso | l’andamento leggiero | e l’odore bruciato | del fuggiasco». […]

Stefano Modeo

***

Attesa di niente (da Il lamento del gabelliere, 1945)

La luce non mi è stata compagna
sulla terra né l’acqua sorella.
L’affabile acqua piovana
che materna addormenta
il vecchio gabelliere
e la giovane rana.
Avrei voluto chiudere il cielo
come una semplice porta
per restare una giornata
acquattato nell’erba
in attesa di niente.

*

Il silenzio non mi salva (da La giornata è finita, 1963)

Il silenzio non mi salva
la parola non m’aiuta.
Muri aggiungo muri tolgo.
Più mi scopro più mi nascondo.

*

Chèradi, mie isole (da Io che sono cicala, 1967)

Il mastro ho chiuso dei mari
e la rosa dei venti
ho ceduto ai giovani marinai
che partono domani
sulle grandi ali
del libeccio.
Partono allegri
i giovani marinai
e ciechi sono al cordoglio
del capitano
che non si volta
a piangere il bastimento.
In silenzio si estinguono
i capricciosi estuari.
Chèradi, mie isole:
spegnete il raggio verde
dall’iride dei fari.

*

La fidanzata albanese (da Le ombre dispettose, 1974)

In sogno la notte vedo un prato
dove una zingara giovane
fiduciosa mi attende.
Le tende intorno sono spente
come dopo la tormenta di neve
le rovine d’un accampamento.
Di tutta una tribù vagante
una è rimasta risparmiata,
non so se per pietà o dimenticanza:
quell’una non consumata
fiduciosa mi attende.
Se non avesse gli occhi aperti
come gli astri in estate
certamente la riconoscerei:
la mia fidanzata albanese
da millenni abbandonata.
In sogno mi viene incontro
con andamento di ballo,
una sonnambula in allarme.
Mi colpisce il pallore
e anche il suo odore
di confetto bianco
che simula il nevischio.
In sogno le mani infreddolite
riprendono a salire
come quelle della tessitrice
nel fiore incompiuto.
In sogno le dita smarrite
sospinte dal giuoco d’amore
sempre vicine, più vicine
sfiorandomi mi raggiungono
come balestrucci in volo.

In quale carovana strada bivacco,
in quale remoto territorio
lei fu indovina e io calderaio?
In sogno la sua lingua riconosco
e la voce più mobile
del canto del pettirosso.
Con ago e filo forte
la cucii al mio fianco:
chi ci divise nella morte?

In sogno gli anelli riconosco
del nostro primo incontro.
Fiumi e terre confondo,
non uno dei suoi sguardi.
Quando m’allontano dai sogni
lei svanisce come il fumo
e io divento nessuno.

*

Quei pochi (da Fughe provvisorie, 1978)

a Leonardo Sinisgalli 

Le notti che mi manca il fiato
chiamo, chiamo con la mano
fuori dal lenzuolo
quei pochi che amo.
Non rispondono:
sono in un altro sonno,
in un altro vuoto
e non mi riconoscono.

***

Raffaele Carrieri (Taranto, 1905 – Lombrici di Camaiore, 1984) a quattordici anni s’imbarca e fugge clandestinamente in Albania, raggiungendola nell’ultimo tratto a nuoto e dove rimane alcuni mesi; da qui prosegue a piedi per il Montenegro. Nel 1920 è a Fiume con D’Annunzio dove viene gravemente ferito ad una mano. Dopo un breve soggiorno a Taranto si imbarca nuovamente, visita i porti del Mediterraneo e alcune città della costa africana. In seguito si trasferisce a Palermo, per due anni, svolgendo il mestiere di gabelliere. In questo periodo scrive le sue prime poesie che, più tardi, faranno parte della raccolta Il lamento del gabelliere (1945). Nel 1923 si stabilisce a Parigi dove conosce i maggiori poeti e artisti dell’avanguardia internazionale. Nel 1930 è a Milano dove comincia a partecipare alla vita culturale come poeta, scrittore, giornalista e critico d’arte. Nel 1953 vince il Premio Viareggio con Il Trovatore. In seguito si aggiudica il Premio Chianciano con Canzoniere amoroso (1959); il Premio Tarquinia-Cardarelli con Io che sono cicala (1967); il Premio Internazionale Taormina con Stellacuore (1970). Ha scritto oltre cinquanta volumi tra saggistica e narrativa, alcuni dei quali tradotti e pubblicati all’estero.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Ida Travi | I Tolki

Presentiamo in anteprima tre testi tratti dal volume “I Tolki” di Ida Travi, in uscita il 19 marzo 2024 per Il Saggiatore, accompagnati da una nota introduttiva dell’autrice.

continua a leggere »
Valentina Murrocu, Milo De Angelis, Guido Mazzoni, poesia, incontro, evento, poeti contemporanea, poesia contemporanea italiana, destini generali, i mondi, la pura superficie, somiglianze

Milo De Angelis e Guido Mazzoni | Gli stati parziali della poesia

Si è tenuto, venerdì 18 ottobre 2019, presso il Teatro Politeama di Poggibonsi (Sala SET), il primo incontro all’interno della rassegna intitolata Gli stati parziali della poesia. L’evento, ideato e organizzato dalle associazioni «La Scintilla» e «Amici di Romano Bilenchi», in collaborazione con la rivista online «Formavera», ha visto confrontarsi Milo De Angelis e Guido Mazzoni, introdotti da Dario Ceccherini e coordinati da Elisa Tozzetti. Gli organizzatori hanno chiesto agli ospiti di esporre una riflessione sullo stato della poesia oggi, stato che è parziale, come suggerisce il titolo della rassegna. Valentina Murrocu ci fornisce qui un resoconto critico delle posizioni che sono trapelate.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved