Πolytropos (Polytropos) | Poesie e traduzioni dalla grecia contemporanea

MediumPoesia presenta al pubblico italiano la nuova rubrica Πolytropos (Polytropos) della sezione Poesia dell’altrove, dedicata a esplorare la poesia contemporanea della Grecia, tra secondo/tardo Novecento e primo ventennio degli anni Duemila. La rubrica è curata da Michela Corvino Batsala e ospiterà testi in lingua originale e in traduzione; nel caso di autori viventi saranno disponibili anche registrazioni audio o video-letture.

Polytropos (multiforme) è l’aggettivo che nel primo verso dell’Odissea omerica è usato per definire Ulisse. Multiforme e poliedrica è la Grecia, punto nevralgico e crocevia del Mediterraneo, che non è Oriente ma neanche del tutto Occidente e ha in sé anche qualcosa dei Balcani. Un paese relativamente piccolo, ma di una fierezza epica che non può non manifestarsi anche nella sua produzione letteraria e poetica in particolare.

Sintetizzare, quando si parla di arte e soprattutto di poesia è riduttivo, poiché comporta il dover tralasciare dettagli e particolari che con tutta probabilità hanno contribuito al processo demiurgico e alla caratterizzazione della poesia stessa. Tuttavia si può cercare di delineare un profilo, che nel caso della Grecia, non può essere considerato distintamente dalle vicende storiche e politiche che l’hanno interessata.

Il paese in un solo secolo attraversa una prima dittatura agli inizi del ’900, in seguito l’attacco da parte dell’Italia durante la Seconda Guerra Mondiale e l’occupazione nazista, la guerra civile e infine la più nota dittatura dei Colonnelli, la cosiddetta Giunta dal 1967 al 1974. Ben si comprende, quindi, che la vita intellettuale del paese non può non esserne influenzata.

La poesia dei due primi decenni del ’900 è caratterizzata da personalità fra cui spiccano quella di Konstantinos Kavafis e del quasi contemporaneo Kostis Palamas, ma anche di autori della portata di Sikelianòs, Varnalis e Kariotakis.

La generazione di artisti successiva è quella che viene chiamata convenzionalmente, per analogie anagrafiche, Generazione del ’30, e fiorisce nel periodo fra le due guerre mondiali i cui esponenti sentono e dichiarano fortemente una cesura con i poeti precedenti. Questa generazione regala alla Grecia opere di alto valore poetico, con due premi Nobel per la letteratura, a Seferis nel 1963 e a Elytis nel 1979, e un premio Lenin per la pace a Ritsos nel 1973. Accanto ad essi però ci sono anche autori del calibro di Vrettakos e Gatsos.

La politica è poi la fucina della generazione di poeti successiva, degli autori che vissero la dittatura sulla loro pelle e che rappresenta forse anche il capolinea di un percorso cominciato agli inizi del secolo che aveva avuto come centro focale d’ispirazione la Grecia stessa e le sue vicissitudini. E così le generazioni di poeti successive sono caratterizzate da un ripiego più introspettivo fatto di unità personali.

Attraverso le prossime uscite si tenterà, dunque, di tracciare man mano una mappa della poesia contemporanea della Grecia, con la pubblicazioni di testi di poeti particolarmente rilevanti del secondo/tardo Novecento e degli anni Duemila.

Michela Corvino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il canto interrotto di Gertrud Kolmar

Totalmente ignorata in vita e molto tardivamente apprezzata dopo la morte ad Auschwitz nel 1943, la poetessa e scrittrice Gertrud Kolmar di cui l’anno scorso si è celebrato il 125esimo anniversario della nascita a Berlino nel 1894, è considerata oggi una delle poetesse tedesche di origine ebraica di maggiore importanza del secolo scorso. Il critico Patrick Bridgewater nella sua antologia “Twentieth-Century German Verse” la definisce “uno dei grandi poeti del suo tempo, e forse la più grande poetessa che abbia mai scritto in tedesco”. Poco si sa della sua vita e nulla sulla sua morte, ma il suo canto così crudelmente spezzato, ci incanta oggi non solo per l’altissimo livello poetico ma anche per il coraggio di parlare apertamente in un periodo in cui molti poeti ed intellettuali si erano defilati davanti alla repressione culturale nazista.

continua a leggere »
Antiniska Pozzi, Joaquin Pasos, nicaragua, poesia contemporanea, avanguardia, traduzione, poesia dell'altrove, proposta di lettura, poesia contemporanea, novecento, letteratura straniera, letteratura latina

Joaquin Pasos: Canto di guerra delle cose

MediumPoesia presenta, nella traduzione di A. Pozzi, la poesia “Canto di guerra e delle cose”, il componimento più famoso del poeta d’avanguardia nicaraguense Joaquìn Pasos (1914-1947). Quella nell’articolo è una delle pochissime traduzioni dell’autore disponibili in Italia.

continua a leggere »

MediumPoesia è un sito internet e un progetto artistico nato nel 2018 dall’incontro tra Francesco Ottonello e Michele Milani, un luogo abitato da scrittori e artisti, in una dimensione multimediale adatta a far fronte all’incontro di intense energie creative.

Gli Eventi

COOKIES

MediumPoesia usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta il pop_up. Scorrere la pagina senza negare il consenso autorizza automaticamente all’uso dei cookie.

Credits

SITE: MICHELE MILANI

COPYRIGHT

Gestione del copyright sul sito Copyright e collaboratori Copyright e lettori

Tutto il materiale testuale originale prodotto dalla redazione e dagli autori di MediumPoesia e pubblicato su questo sito, a meno di esplicita indicazione contraria in calce ai singoli articoli, è reso disponibile secondo i termini della licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0). 

In ottemperanza con la nuova legge sull’editoria italiana, si segnala che “MediumPoesia” non è un periodico. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata né predeterminabile. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Tutti i contenuti sono a responsabilità e copyright dei siti linkati o di chi li ha scritti. I dati sensibili relativi alla legge sulla privacy sono tutelati in ottemperanza alla legge 675/96 e dal dpr 318/99. il contenuto può essere liberamente citato, linkato ed anche copiato (citando www.mediumpoesia.com come fonte). Tutte le immagini e le musiche sono messe in rete da questo sito a titolo gratuito, a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico senza fini di lucro in osservanza ed applicazione dell’art. 2 comma 1bis della legge LEGGE 9 gennaio 2008, n.2Disposizioni concernenti la SIAE.

Redazione

La Redazione: Francesco Ottonello, Michele Milani, Tommaso Di Dio, Silvia Righi, Luigi Fasciana, Davide Paone, Marilina Ciliaco, Francesca Sante, Antiniska Pozzi, Silvia Girardi, Giulia Vielmi, Vanessa Morreale

Ⓒ 2019 - All Rights Are Reserved